Testo Fateme Cantà

Testo Fateme Cantà

Che giornata che giornata
so' distrutto eh
so' distrutto
cameriè portame er vino

Fateme cantà
che n'c'ho voja de stà co' 'sta gente
che me parla
ma nun dice gnente
e e e...
fateme cantà
che me sento anche un po' innervosito
da 'sta gente che me chiede na foto
io vorrei parlaje de loro
oh oh oh...

Fateme cantà
sto a'mpazzì appresso a troppe esigenze
c'ho bisogno all'appello de dì che so assente
e e e...
e fateme cantà
pe' l'amici che ho lasciato ar parcheggio
io che quasi me ce sento 'ncolpa pe ave' avuto sto sporco successo
che è amico sul palco e t'ammazza nel resto
oh oh oh...

Fateme cantà
nun so bono a inventamme i discorsi
sbajo i modi, i toni e anche i tempi
parlo piano manco me sentiresti
e e e...

Fateme cantà
che a ste cene co questi 'n cravatta
parlo a gesti nun so la loro lingua
e e e...

E fateme cantà
pe' quer tizio che nun c'ha più er nome
sta pe' strada a elemosinà 'n core
pe' quer padre che se strigne l'occhi
davanti a suo figlio pe' proteggeje i sogni
oh oh oh...

E fateme cantà
pe' sti gatti che aspettano sveji
un motore pe' stassene caldi
pe' i ricordi che me spezzano er sonno
e a letto me fanno girà come un matto
un matto un matto

E na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na

Guarda il video di Fateme Cantà

Fateme Cantà videoplay video
Testi Ultimo
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui