Testo Cassiopea

Testo Cassiopea

3103, tu guarda ‘o munno mo comm’è
Anema pezzente, termonucleare
S’hanno aizate l’acque po’ d’ ’o mare
Luce ‘e sole artificiale, scarfa chesti ‘pprete..
Partono p’ ‘e stelle, comme a greggi ‘e pecurelle
Battagliune d’emigranti astrospaziali
Cantano canzoni sempre eguali
Chiano po’ se danno ‘a mano verso altri pianeti…
Ce n’ha miso ‘e tiempo
Chest’umanità perdente
A capì che ‘a pace è ‘a mamma e tutte ‘e cose
‘o pate invece è ‘a guerra e chest coce
L’aver assaje è ‘na grossa croce
Nun se leva ‘a sete…

“E po’ Marì, chedè
Sta voglia e vulè vivere pe ‘tte!?”

‘O ‘ssaje me manca già, ‘o sapore d’ ‘e cerase
E l’addore d’ ‘a dummeneca pe ‘e case
‘o sole ca po’ trase dint’ ‘e feneste
Mentre fuori a cheste lastre
Sulo cieli nire… E me cunsola sulo, ’na speranza ca me afferra
Ca ‘na voce ‘a prua ‘e astronave allucca “TERRA”
Sarrà ‘cchiù bello correre pe’ prati
Astrignennete po’ ‘a mano
E sentì ca ride…
Ma si chest nun succede, nun te preoccupà tu ammore
Sta ‘nu posto ca si o vide ascarfa ‘o core
Fra ‘e Supernove azzurre ‘e Cassiopea
Addò ‘o core s’arrecrea
E svanisce ‘a ‘mmiria
“E po’ Marì, chedè
Sta voglia e vulè vivere pe ‘tte!?”
“E po’ Marì, chedè
Sta voglia e vulè vivere pe ‘tte!?”
Testi Tommaso Primo
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui