Testo Oppio

Testo Oppio

Fuochi accesi negli accampamenti nomadi
e fumatori d'oppio dall'oriente sui tappeti
le visioni riempiranno le mie mani vuote
Cartagine era bella in mezzo ai melograni
è vero do i numeri dividili con me
ho perso la testa ma sto bene anche senza

Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea
Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea

Scivolando sulle soglie di nuovi amori
con misteriosi nomadi per misteriose mete
giochi di prestigio con i fili del destino
a quel tempo l'oppio ci costava meno d'una birra
è vero do i numeri dividili con me
ho perso la testa ma sto bene anche senza

Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea
Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea

L'equilibrio di quel tè alla menta alla Medina
e i passi nelle dune fanno l'eco all'universo
eravamo ancora dilettante di delitti Cartagine era bella in mezzo ai melograni

Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea
Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea
Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea Uru Belev Sammea

Guarda il video di Oppio

Oppio videoplay video
Testi di Sibilla
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui