Testo Astronatività

Testo Astronatività

Quanto cielo c'è lassù, anni luce, o forse più. Solo fra le stelle. Nessuno fra le palle. Niente traffico. Ne smog. Ne sirene. Fossi mai rimasto su. Sballotato in mezzo al blu… Mi sarei sentito, meno disperato. A tornare qui, davvero, ho sbagliato! L'insoddisfazione, cresce quaggiù. La fumi, come fosse marjuana. Cosa vuoi dal tempo. Dimmelo tu. Ti dai come una puttana. Che pena! Io, torno lassù. Su e giù, con queste macchine, non vi sopporto più. Fratelli miei. Che cercate mai. Computer. Tivù color. Sono i vostri amici ormai. Via! Io scappo via! La vostra solitudine, non sarà mai la mia. Contenti voi… Auguri!!! (orchestra) Su quell'Astronave come Noè. Prima che venga il diluvio. Un diluvio, che dipende da te. Per quanto ancora sarai savio? Sei a un bivio! Vuoi venire via… Mi spiace, è così piccola, questa Astronave mia. Però se vuoi, c'è la fantasia. Tornare su quell'albero, potrebbe essere un'idea! Addio! Addio! Ti scriverò. Ti scriverò, una cartolina io! Mi troverai. Se mi cercherai. Sospeso, fra le incognite. Aspettando il mondo mio… Addio! Addio!




Guarda il video di Astronatività

Astronatività videoplay video
Testi di Renato Zero
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui