Testo Il Mare Verticale

Testo Il Mare Verticale

(cover di Paolo Benvegnù)

Come scavare a mani nude nella terra
per sentire il sangue mescolarsi con la pioggia,
cauterizzare le ferite vivere per il solo senso che ha .
Come nuotare in un oceano congelato
per sentire il cuore che ti esplode dentro il petto,
vivere per immaginare, per percepire il solo senso che ha

Ma io lascio che le cose passino e mi sfiorino
perché non sono in grado di comprenderle.
Io lascio che le cose passino e mi sfiorino
perché non sono in grado di comprenderle.
Io lascio che le cose passino e mi sfiorino...

Essere deboli in un mare verticale
sentire quanto i rischi possano aumentare
e odiare per sentirsi vivi per percepire il solo senso che ha.
E improvvisamente ritornare primitivi
essere comici e tornare primitivi
e bere il sangue del nemico solo per gustarne la diversità.

Ma io lascio che le cose passino e si sfiorino perché non sono in grado di comprenderle.
Io lascio che le cose passino e mi sfiorino

Io lascio che le cose passino e mi sfiorino
Io lascio che le cose passino e mi sfiorino
perchè non sono ancora in grado di comprenderle
Io lascio che le cose passino e mi sfiorino
perchè non sono ancora in grado di comprenderle
Io lascio che le cose passino e si sfiorino senza toccarsi

Guarda il video di Il Mare Verticale

Il Mare Verticale videoplay video
Testi di Marina Rei
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui