Testo Piazza Santo Stefano

Testo Piazza Santo Stefano

Un uomo anziano prende la parola
si alza in piedi e grida:"C'è qualcosa, che non va."
Su un tetto un gatto lecca la sua coda:
è peggio di una donna vanitosa di città
poi distratto da una mosca fa una capriola, e se ne va.

Le luci dei lampioni verso sera
sono più arancioni dei tramonti a primavera.
L'ora in cui Bologna entra in scena
è l'ora in cui le donne di una volta vanno in chiesa
solo un gatto vagabondo è in cerca di una fede passeggera.

La notte è una coperta sopra il cielo
la luna è una stupenda mongolfiera
e tutto è come prima ti dicevo:
Bologna torna ad essere sincera
e il mondo si addormenta grazie al vino
e l'ombra delle cose si rivela
e tutto questo amore mio lo scrivo perchè ha acceso una candela.

Piazza Santo Stefano ha un segreto
le rondini dal cielo
fanno spesso avanti e indietro.
E portan via i colori dell'inverno
proteggono i passanti come i portici dal vento.
E volano, volano via.

Magari avessi ancora sedici anni,
sarei su un prato a scrivere canzoni sulle torri.
Ne ho scritte tante amore,
ti ricordi.
Ma nonostante fossi nato a un passo da quei colli,
Bologna non si fida mai,
Bologna non si fida mai,
Bologna non si fida mai nè dei santi,
nè dei folli.

Guarda il video di Piazza Santo Stefano

Piazza Santo Stefano videoplay video
Testi di Cesare Cremonini
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui