Testo L'Uomo Che Viaggia Fra Le Stelle

Testo L'Uomo Che Viaggia Fra Le Stelle

Questa canzone non è triste è solo
tristemente vera
parla di quel che non esiste finché
la scienza non lo spiega
Sa come cadono le stelle che non
ne cade mai nessuna
che siamo pezzi di meteore o avventurieri
di fortuna.
Ma dell'amore non sa niente, di me
che tremavo di paura
e allora aprivo le finestre per vedere
cosa c'era.
C'era la notte e le sue stelle e
sul tuo viso era la luna,
così ho capito che per sempre non
avrei amato più nessuna...
Vieni con me, tu vieni con me...
L'uomo che viaggia fra le stelle
e ha camminato sulla luna
giura amore e poi si pente chiede
ai maghi la fortuna.
Fa collezione di conquiste, conosce
il peso di una piuma,
è un pescatore di conchiglie poi
gratta e perde la fortuna.
Ma dell'amore non sa niente, di me
che tremavo di paura
e allora aprivo le finestre per vedere
cosa c'era.
C'era la notte e le sue stelle, e
sul tuo viso era la luna
così ho capito che per sempre non
avrei amato più nessuna.
Vieni con me! Tu vieni con me...
Vieni con me! Tu vieni con me...


Guarda il video di L'Uomo Che Viaggia Fra Le Stelle

L'Uomo Che Viaggia Fra Le Stelle videoplay video
Testi di Cesare Cremonini
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui